donne mature porno porno italiano
Menu accesskey: Pagina iniziale | Servizi PT&U | Servizi PBR | Manifesto delle azioni

PTU Provincia di Venezia

Porno Casalinghe Porno Pompini

Il portale del servizio pianificazione territoriale e urbanistica della città metropolitana di Venezia

A+ A A-

Articoli

I biotopi della Provincia di Venezia

La provincia di Venezia occupa una superficie di 2.463 chilometri quadrati, ha la forma di un settore circolare ed è affacciata sul mare Adriatico per un fronte di circa 100 chilometri.
La sua disposizione da origine a condizioni climatiche non uniformi, si pensi solo alla piovosità media annua che va dai 600 millimetri nella zona meridionale agli oltre 1.000 della porzione a confine con il Friuli Venezia Giulia; in generale comunque il clima può essere considerato temperato-umido ad estate calda.
L'intera provincia di Venezia presenta condizioni geomorfologiche tipiche delle aree di bassa pianura, con un substrato costituito da sedimenti prevalentemente limoso-argillosi, pendenze molto basse e quote che raggiungono al massimo i 20 metri sul livello del mare.
Avvicinandosi alla linea di costa i terreni diventano prevalentemente sabbiosi, passando prima per una fase dominata da substrati a forte componente organica corrispondenti alle aree di recente bonifica.
Dal punto di vista del substrato è possibile distinguere, dal mare verso l'entroterra:
- cordoni dunari che contraddistinguono tutta la fascia litoranea, ma che si estendono in alcun chilometri anche all'interno, come ad esempio nella zona di Jesolo e nell'area meridionale, dove dalla costa arrivano fino alla statale Romea comprendendo le antiche dune di Bosco Nordio;
- aree lagunari interditali (velme e barene) e valli da pesca, corrispondenti alle aree delle lagune di Venezia e Caorle;
- aree di recente o antica bonifica che occupano una breve striscia intorno alla laguna di Venezia, mentre nella parte nordorientale interessano superfici più ampie, arrivando nell'entroterra fino praticamente alla strada statale 14 Triestina, in coincidenza con le aree anticamente occupate dalle paludi, così come avviene nella parte sud, ove rappresentano la quasi totalità dei substrati;
- pianura alluvionale recente, con quote di terreni superiori al livello del mare, che comprende tutta la parte alta della provincia, una piccolissima striscia dell'area del Cavarzerano e una fascia che costeggia il basso corso del Tagliamento.

Oggi il paesaggio che possiamo osservare percorrendo il territorio provinciale non può certo essere considerato naturale; con questa premessa si può definire il paesaggio come un insieme di ecosistemi costituiti da una serie di mosaici di tessere naturali e antropizzate.
La gran parte della provincia è oggi rappresentata da un territorio agricolo, diventato nel tempo recettore di una serie di opere, come arterie stradali, insediamenti urbani e industriali, che lo hanno notevolmente frammentato. Ad ogni modo può distinguersi ancora un ambiente agrario originatosi a seguito di grandi operazioni di bonifica, di aree lagunari o paludose, presente soprattutto nella parte settentrionale e in quella meridionale del territorio, e da un altro derivante da interventi di disboscamento (i quali hanno avuto inizio già in epoca preistorica), che interessa principalmente la parte di provincia posta al di sopra del livello del mare.
Questo sistema agricolo presenta delle isole di naturalità corrispondenti a resti dell'antico mantello forestale o riferibili a "nuovi boschi" di pianura creati dall'uomo con criteri naturalistici, cui si accompagnano tratti di piccoli corsi d'acqua con siepi alberate, nonché cave dismesse naturalizzate a seguito dell'abbandono dell'attività estrattiva.
Nella parte centrale della provincia, dove l'opera di urbanizzazione è più intensa, un ruolo importante di conservazione degli ambienti naturali è assegnabile anche ai parchi di molte ville venete che, oltre al riconosciuto valore storico e artistico, possiedono un significativo ruolo di rifugio di elementi floristici e faunistici di rilievo.
Gli ambiti naturalistici censiti rappresentano, quindi, situazioni di naturalità residua o costituita direttamente o indirettamente mediante l'opera dell'uomo. Non sono certo "tutto quello che c'è di naturale" in provincia di Venezia, ma costituiscono sicuramente uno "zoccolo duro", un punto fermo su cui lavorare, assieme ai Siti Natura 2000, per strutturare la Rete Ecologica provinciale. 


Ambiti Agroforestali 

Ambiti Parchi Storici

Ambito Marino

Ambiti Litoranei

Ambiti Lagunari

Ambiti Fluviali

Ambito Zone Umide

Go to: hdpornogratis.xxx/video-porno/ for all porn categories. video porno bionda Porno

Sesso Amatoriale